Roma,
21
Maggio
2019
|
16:23
Europe/Rome

13° Skill Contest Nazionale Programma T-Tep

Vince la scuola T-Tep di Napoli - Istituto IPSIA Pagano - Bernini

Riepilogo
  • La scuola T-TEP (Toyota Technical Education Program) di Napoli (NA) – Istituto IPSIA “Pagano-Bernini” vince il 13° T-TEP Skills Contest italiano, in una competizione caratterizzata da una prova teorica e quattro prove tecniche, su autovetture messe a disposizione dal Concessionario Toyota Funari di Agnano

  • Lo studente vincitore è Andrea Esposito, con un risultato complessivo di 81,3%

  • Il Contest ha rappresentato anche un’occasione di confronto tra Toyota e Istituti T-TEP per la definizione delle linee guida del progetto T-TEP 2.0, con l’obiettivo di valorizzare ulteriormente il programma come strumento efficace di supporto alla rete ufficiale Toyota per il reclutamento di personale qualificato

 

Nei giorni 9, 10 e 11 maggio a Napoli, si è svolto presso l’Istituto Statale Istruzione Superiore “Pagano - Bernini” il 13° Skills Contest nazionale per Istituti T-TEP.

Si tratta di una gara di abilità tra i migliori studenti delle scuole (Istituti Professionali e Tecnici Industriali di Stato) che ad oggi collaborano con Toyota nell'ambito dell'intesa T-TEP*.

I protagonisti della competizione sono stati 15 studenti delle IV e V classi, che si sono impegnati in una gara di 2 giorni, caratterizzata da prove sui principali elementi delle tecniche di autoriparazione su autovetture messe a disposizione dalla Concessionaria Toyota Funari di Agnano. Al termine della gara, nel complesso equilibrata e di un buon livello di preparazione generale, la commissione tecnica ha decretato la scuola vincitrice di questa edizione, sulla base dei risultati complessivi delle 5 prove.

Lo studente vincitore è Andrea Esposito, studente dell’Istituto IPSIA “Pagano-Bernini” di Napoli, Istituto che si aggiudica per la prima volta questa vittoria. Lo studente è arrivato primo in classifica con una performance complessiva del 81,3%, distinguendosi in particolare nelle prove di tagliando di manutenzione dei 30.000 km e di meccanica cambio, oltre che nell’utilizzo del sistema tecnico informatico. Seguono al 2° posto Federico Ceron, dell’Istituto “E. Ferrari” di Monza e al 3° posto Matteo Monaco dell’Istituto “Di Marzio-Michetti” di Pescara.

Questa tredicesima edizione ha rappresentato anche un’occasione di confronto tra i responsabili di Toyota Motor Italia, i Dirigenti Scolastici e i coordinatori del Programma T-TEP delle scuole, con l’obiettivo di definire le linee guida del Progetto T-TEP 2.0, per rinnovarne i contenuti in linea con le nuove competenze richieste nel settore automotive, che sta vivendo una fase di innovazione importante, e rafforzare il rapporto tra scuola e mondo del lavoro.

* T-TEP Toyota Technical Education Program. Il T-TEP è il programma mondiale di Toyota per la formazione professionale dei giovani sulle più recenti tecnologie automobilistiche, realizzato in Italia in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR). Questo progetto rappresenta un impegno non solo verso i propri clienti, ma è rivolto al futuro della società e del territorio, perché mira a trasmettere ai giovani il patrimonio tecnologico di uno dei più grandi costruttori di automobili al mondo, dando loro una marcia in più per inserirsi nel mondo del lavoro. Il programma T-TEP è stato introdotto in Italia nel 1995. La prima delle 19 scuole T-TEP oggi attive è stata l’Istituto IPSIA di Monza.

Complessivamente, le scuole T-TEP gestiscono un corso di formazione di cinque anni, suddiviso su due livelli: un primo corso di 3 anni alla fine dei quali viene rilasciato un certificato di “Addetto all’assistenza post-vendita degli autoveicoli” ed un successivo diploma di “Tecnico di assistenza post-vendita degli autoveicoli”. In questi anni di attività sono stati formati oltre 10.000 giovani, parte dei quali già lavora con le mansioni di tecnico specializzato e, in alcuni casi, presso concessionarie della rete Toyota e Lexus in Italia.

___________________________________

Toyota è leader mondiale del mercato elettrificato con oltre 13 milioni di vetture ibrido-elettriche vendute nel mondo dal 1997. Questo conferma un impegno concreto nel contribuire a realizzare una mobilità sostenibile, grazie all’abbattimento dei climalteranti (CO2) e dei fattori inquinanti nocivi per la salute dell’uomo (NOx). Le emissioni di NOx sono infatti inferiori di oltre il 90% rispetto al limite previsto dalla vigente normativa, ad esempio su Yaris Hybrid le emissioni di ossidi di azoto sono solamente 6 mg/Km, rispetto al limite previsto dei 60 mg/KM delle vetture benzina Euro6 e deli 80 mg/KM dei diesel Euro6. Yaris Hybrid, come tutta la gamma Full Hybrid Electric Toyota, è già omologata secondo la nuova normativa di omologazione WLTP in vigore dal 1° settembre 2018. La tecnologia Full Hybrid Electric è di semplice utilizzo, capace di gestire in modo autonomo la sinergia di funzionamento tra motore termico e motore elettrico, in modo esclusivo o combinato, nell’ottico del miglior compromesso possibile tra efficienza energetica, emissioni, e prestazioni di guida.

Toyota crede inoltre nella realizzazione di una società totalmente sostenibile, nella quale ognuno possa superare i propri limiti avvalendosi di sistemi di mobilità che non siano legati soltanto alle automobili e che consentano di muoversi liberamente e senza ostacoli e barriere, fisiche e sociali. E’ questo l’obiettivo della campagna globale ‘Start Your Impossible’, attraverso la quale Toyota promuove il valore della inclusività [Mobility for All]. In quest’ottica è stato scelto in Italia il Toyota Team, formato da atleti italiani appartenenti alle varie discipline Olimpiche e Paralimpiche italiane.