Roma,
01
Marzo
2017

IL NUOVO TOYOTA C-HR OTTIENE IL MASSIMO PUNTEGGIO NEI TEST EURO NCAP

Riepilogo
  • Toyota C-HR ottiene un elevato rating in termini di protezione degli occupanti e sicurezza attiva
  • La piattaforma basata sulla Toyota New Global Architecture e l’utilizzo di leghe metalliche ad alta rigidità, assicura sicurezza e resistenza al corpo vettura.
  • Il Toyota Safety Sense disponibile di serie su tutte le versioni fornisce un supporto aggiuntivo al guidatore, per evitare gli incidenti o minimizzare le conseguenze di una collisione.

 

 

Il nuovo Toyota C-HR ha conseguito le 5 stelle nei test di sicurezza Euro NCAP.

Oltre ad offrire eccellenti livelli di protezione per gli occupanti in caso di incidente, il modello ha ottenuto anche ottimi risultati in termini di sicurezza attiva.

Il C-HR ha raggiunto un eccellente punteggio del 95% nella protezione generale degli occupanti; il 77% nella protezione dei bambini; il 76% nella protezione dei pedoni ed il 78% in termini di sistemi di assistenza alla sicurezza.

Nel suo report, l’Euro NCAP ha evidenziato i buoni risultati in termini di assorbimento degli impatti frontali ed il raggiungimento del massimo punteggio nei test di impatto laterale sia contro barriere fisse che contro il più severo test di impatto laterale contro un palo.

I risultati ottenuti durante i crash test dimostrano l’effettiva resistenza della piattaforma basata sulla Toyota New Global Architecture, che fa abbondante uso di leghe metalliche ad alta resistenza e rinforzi nelle zone critiche del corpo vettura, con lo scopo di assorbire e distribuire la forza dell’urto lungo direttrici precise che evitino di scaricare l’urto sugli occupanti.

Il Toyota Safety Sense è parte dell’equipaggiamento standard di tutte le versioni di C-HR, a conferma dell’impegno Toyota di diffondere il più possibile i sistemi di sicurezza avanzata a bordo delle proprie vetture. Il TSS include: Sistema Pre-Collisione (PCS) con riconoscimento dei pedoni, Cruise Control Adattivo (ACC), Avviso Superamento Corsia (LDA) con controllo della sterzata, Abbaglianti Automatici (AHB) e Riconoscimento Segnaletica Stradale (RSA).

Il Sistema Pre-Collisione ha permesso di evitare le collisioni a tutte le velocità di test, inoltre, nelle prove a bassa velocità (contesto urbano), il sistema ha ottenuto il punteggio massimo.

Nei test che prevedono la simulazione di rischio di impatto contro un veicolo lento, il C-HR è stato in grado di evitare lo scontro a qualsiasi velocità; mentre in caso di impatto contro un veicolo fermo o in decelerazione, il sistema ha evitato lo scontro nella maggior parte dei casi, mente negli altri è stato possibile mitigare notevolmente l’impatto.

La funzione di riconoscimento dei pedoni ha dimostrato le sue performance evitando le collisioni in tutti i test a bassa velocità, alle velocità più alte il sistema è stato comunque in grado di evitare l’impatto o mitigarne le conseguenze.

Gli ottimi risultati ottenuti, soprattutto in termini di sicurezza attiva, hanno dimostrato come il nuovo Toyota C-HR abbia molto più da offrire che il solo design dirompente. Il nostro obiettivo era quello di rendere C-HR estremamente piacevole e divertente da guidare, ma allo stesso tempo estremamente sicuro”, ha dichiarato Karl Schlicht, Toyota Motor Europe EVP Sales. “La sicurezza è e sarà sempre un elemento fondamentale per noi. Il Toyota Safety Sense rappresenta un grosso passo avanti verso la produzione di auto sempre più sicure ed è per questo che il TSS è ormai diffuso su quasi tutta la gamma ed equipaggerà anche la Yaris MY17”.

 

Contatti
photo:Patrizia  Brunetti
Patrizia Brunetti
Communication & External Affairs Senior Manager
+39 06 60230367
photo:Riccardo  Taglioni
Riccardo Taglioni
Communication & External Affairs Manager
+39 06 60230390
photo:Gabriele  Paolillo
Gabriele Paolillo
Product & Corporate Communication
+39 06 60230293
photo:Federico  Muzzioli
Federico Muzzioli
Press Fleet
+39 06 60230350
photo:Milena  Cirulli
Milena Cirulli
Events & Organization
+39 06 60230422
Condividi questa release
Condividi su: Twitter
Condividi su: Facebook
Condividi su: LinkedIn
News più recenti